Devo avere già usato un titolo simile in uno dei post più vecchiotti, ma è la prima cosa che mi è venuta in mente (ri)guardando le foto della “pizzata” degli Spiriti del Sole junior dello scorso sabato 11 marzo.

Nessun riferimento o analogia a film o romanzi, ma semplicemente un dato di fatto. C’è, nelle nostre Comunità un gruppo di amici, più o meno grandicelli, che ha piacere  di condividere con altri, più o meno coetanei, un pomeriggio di giochi, una pizza ed un film. Cosa c’è di più quotidiano, direi quasi “banale”, per dei bambini e ragazzi dalla terza elementare alla prima media, che giocare, mangiare, vedere la TV? Eppure, grazie all’accompagnamento degli animatori degli Spiriti del Sole, anche queste attività “normali” diventano un modo per crescere, per diventare grandi secondo tutte le dimensioni dell’esperienza umana. Si fanno nuove amicizie, si conoscono bambini e ragazzi più grandi (o più piccoli…), si scopre che all’Oratorio si sta bene, c’è quel “qualcosa” in più (ma noi grandi sappiamo che non è “qualcosa”, ma “Qualcuno”).

Le foto che seguono raccontano proprio questo incontro: piccolo e fragile ma con una promessa infinita di bellezza.

(ml)