Domenica 7 ottobre, sotto la protezione della B.V. Maria del Rosario, le Comunità del Duomo e del Sacro Cuore hanno iniziato insieme l’anno catechistico.

Invidio, sinceramente, quei blogger che riescono a scrivere pagine e pagine ogni giorno: a me la “pagina bianca”, anche se è web, ha sempre messo una certa ansia… Però oggi è, forse, più facile raccontare questo inizio di anno e, allora, con l’incoscienza solita, ci provo.

Tutto inizia qui, con il Duomo che ha accolto le tantissime famiglie delle due Comunità parrocchiali attorno a don Massimo e a don Santiago per celebrare insieme l’Eucaristia. Non ci può, infatti, essere l’inizio di un cammino se non ascoltando la Parola che guida i nostri passi…

… e prendendo il solo Cibo che può dare la forza necessaria.

Quest’anno il mandato ai Catechisti è stato particolarmente significativo. Sono, infatti, stati “interrogati” sulla loro effettiva volontà di svolgere questa missione:

Carissimi, prima di ricevere nella Chiesa l’ufficio di catechisti, vi chiedo di manifestare davanti al popolo di Dio la volontà di assumerne gli impegni.

Volete collaborare come catechisti al compito di predicare il Vangelo ad ogni creatura, compito che Gesù ha affidato alla sua Chiesa?

[Catechisti: Sì: lo voglio!]

Volete, in piena docilità allo Spirito Santo, accogliere in voi stessi la divina Parola che annunzierete agli altri, meditandola con assiduo fervore, acquistandone ogni giorno una conoscenza sempre più viva e penetrante, e con la vostra vita rendere testimonianza a Cristo Gesù, nostro Salvatore?

[Catechisti: Sì: lo voglio!]

Volete prestarvi al servizio della fede, educando in essa i fanciulli e i ragazzi i giovani e gli adulti preparandoli a ricevere degnamente i sacramenti e testimoniando gioiosamente la speranza?

[Catechisti: Sì: lo voglio!]

Per la volontà di servizio che vi ha ispirato, benediciamo il Signore: Egli, che ha iniziato in voi la sua opera, la porti a compimento!

Al termine della celebrazione, don Santiago ha presentato ai genitori radunati nel teatro dell’Oratorio maschile il percorso formativo delle due Parrocchie, percorso di cui il Catechismo è certamente momento privilegiato ma che si articola in altri momenti educativi e di annuncio, come l’esperienza oratoriale.

È bello vedere così tanta gente, così tante famiglie che ancora oggi si muovono per seguire Gesù, come hanno fatto duemila anni fa i Dodici ed i Discepoli: vuol dire che ancora oggi il Signore passa nella nostra Valenza e dice il suo “Seguimi!”.